BITCOIN VS ORO: CHI È IL MIGLIORE?

da | Set 30, 2023

 

 

 

Nel mondo della finanza e degli investimenti, l’oro è stato a lungo considerato il bene rifugio per eccellenza. Negli ultimi anni però, un nuovo asset ha fatto la sua comparsa sulla scena finanziaria: Bitcoin.

Questi due beni condividono alcune caratteristiche che li rendono simili, ma differiscono in molti aspetti chiave.

Facciamo un confronto tra Bitcoin e oro, analizzando le varie caratteristiche di questi due asset.

 

Indice

 

  • Fungibilità
  • Portabilità
  • Durabilità
  • Verificabilità
  • Divisibilità
  • Resistenza alla censura
  • Storia
  • Scarsità
  • Conclusione

Le seguenti caratteristiche che andiamo ad analizzare rappresentano gli attributi che una “buona moneta” deve avere per essere tale.

 

Fungibilità

Oro: l’oro è generalmente fungibile, il che significa che un lingotto d’oro è sostituibile con un altro lingotto d’oro dello stesso titolo e dello stesso peso.

Bitcoin: a livello di protocollo, Bitcoin è fungibile. Ogni unità di bitcoin dovrebbe essere considerata uguale a tutte le altre, indipendentemente da chi l’ha posseduta in precedenza. Tuttavia, a causa della trasparenza data dalla tecnologia blockchain, ogni UTXO è difatto diverso dall’altro. Infatti, esistono aziende di blockchain surveillance che cercano di tracciare la storia di ogni UTXO, provando a dividere i bitcoin in varie categorie. Un bitcoin che è stato coinvolto in transazioni considerate “illegali” potrebbe non essere accettato da alcune persone o entità.

 

Portabilità

Oro: l’oro fisico può essere piuttosto ingombrante e pesante da trasportare, soprattutto se in grosse quantità. Trasportare grandi quantità di oro è complicato e costoso a causa di tutte le precauzioni di sicurezza necessarie.

Bitcoin: Bitcoin è altamente portatile. Poiché esiste solo digitalmente, è possibile trasportare grandi quantità di valore in bitcoin su un dispositivo sicuro o addirittura nella propria mente, memorizzando 12 o 24 parole.

 

Durabilità

Oro: l’oro è noto per la sua durabilità nel tempo. Non si deteriora, non corrode, non arrugginisce e non si decompone.

Bitcoin: Bitcoin è intrinsecamente resiliente al tempo grazie alla sua tecnologia. Le transazioni sono registrate in modo permanente e immutabile nel registro contabile decentralizzato noto come blockchain, il quale rende praticamente impossibile la modifica dei dati passati.

 

Verificabilità

Oro: la verifica dell’autenticità dell’oro richiede conoscenze specializzate e attrezzature particolari. Il test di autenticità di un lingotto d’oro richiede tempo ed esperienza. Sicuramente non parliamo di un processo alla portata di tutti.

Bitcoin: la verifica delle transazioni Bitcoin è rapida e accessibile a chiunque tramite il registro pubblico distribuito. Ogni persona può facilmente verificare la proprietà e la provenienza di qualsiasi bitcoin attraverso il proprio nodo.

 

 

Divisibilità

Oro: l’oro, sebbene sia fisicamente divisibile, diventa impraticabile quando viene frammentato in quantità così piccole da renderlo poco adatto per le transazioni quotidiane di basso importo. Cercare di pagare un bene o un servizio in oro nella società odierna non è qualcosa di semplice.

Bitcoin: Bitcoin è altamente divisibile. Un singolo bitcoin può essere suddiviso in cento milioni di parti. La centomilionesima parte di un bitcoin si chiama satoshi. Questa grande divisibilità permette di effettuare transazioni di qualsiasi importo.

 

Resistenza alla Censura

Oro: l’oro è resistente alla censura fino a quando le transazioni vengono effettuate senza il coinvolgimento di una terza parte. Lo scambio tra cittadini privati è molto difficile da vietare. Tuttavia, la sua natura fisica rende difficile la trasmissione a distanza, rendendolo molto più suscettibile alla regolamentazione statale. Se l’oro è detenuto presso enti terzi come società di custodia, la resistenza alla censura dipenderà anche da questa terza parte fidata.

Bitcoin: Bitcoin è resistente alla censura by design. L’utilizzo di Bitcoin è “permissionless“, ovvero non è necessario il permesso da parte di nessuna entità per poterlo utilizzare. Le transazioni avvengono in maniera P2P (peer-to-peer) senza intermediari. Chiaramente l’utente dovrà avere il controllo delle chiavi private necessarie a muovere i propri fondi e non affidarsi a enti terzi per la custodia dei suoi bitcoin.

 

Storia

Oro: l’oro ha una storia millenaria come riserva di valore e come moneta. È stato utilizzato in molte civiltà antiche e continua ad essere prezioso ancora oggi.

Bitcoin: Bitcoin è una creazione relativamente recente, essendo nato nel 2009. Tuttavia, ha guadagnato rapidamente popolarità ed è ora riconosciuto come un’alternativa alle valute fiat tradizionali.

 

Scarsità

Oro: l’oro è un bene che esiste in quantità limitata sulla Terra. È difficile da estrarre e non è riproducibile in laboratorio. La produzione annuale è relativamente costante e si aggira intorno alle 3.000/3.500 tonnellate. Si stima che ad oggi siano state estratte poco più di 190.000 tonnellate d’oro. Per avere un’idea di quanto oro circoli oggi nel mondo, possiamo immaginare un cubo d’oro con un lato di 21 metri. Alcune stime prevedono che rimangano circa 50.000 tonnellate d’oro da estrarre. In ogni caso è sempre possibile trovare nuove miniere e inoltre, non si può escludere che l’oro non sia presente su altri pianeti o sulla Luna.

Bitcoin: fin dal primo giorno Bitcoin è stato programmato per essere limitato, con un’offerta massima di 21 milioni di unità. Inoltre, Bitcoin è il primo e unico esempio al mondo di scarsità digitale. Prima della nascita di Bitcoin era credenza comune che qualsiasi bene digitale fosse duplicabile.

 

Conclusione

Sia l’oro che Bitcoin possiedono delle caratteristiche uniche che li rendono degli ottimi beni monetari.

L’oro ha una storia millenaria ed è considerato il re tra i bene rifugio. Fino alla nascita di Bitcoin è stato il bene monetario più amato dagli economosti della Scuola Austriaca.

D’altro canto, Bitcoin offre grossi vantaggi come la portabilità e la divisibilità.

Ad oggi l’oro mantiene la sua posizione di riserva di valore stabile, mentre Bitcoin cerca di affermarsi come alternativa alla valuta fiat. Stabilire un vincitore in questo confronto non ha molto senso. Possedere dell’oro fisico non esclude possedere dei bitcoin.

Infine, per la sua somiglianza con l’oro fisico, molte persone oggi definiscono Bitcoin come oro digitale. Per il momento dal mondo della finanza tradizionale non viene considerato tale, ma in futuro questo potrebbe cambiare.

Personalmente ritengo Bitcoin superiore all’oro fisico e penso che sia molto di più di oro digitale. Bitcoin è una rete di computer che, attraverso del lavoro fisico, consuma energia elettrica per creare una moneta scarsa, non corruttibile e non inflazionabile dall’esterno, decentralizzando il monopolio dell’emissione di nuova moneta.

 

Concludiamo questo articolo con le dichiarazioni di Jerome Powell, presidente della Federal Reserve, che nel 2021 affermò:

I crypto asset sono altamente volatili (basti vedere Bitcoin), di conseguenza non sono realmente utili come riserva di valore e non sono garantiti da niente.
Sono più un asset per la speculazione, non vengono particolarmente usati come mezzo di pagamento. È più un asset speculativo. Essenzialmente è più un sostituto dell’oro che del dollaro.

DAVIDE COLTRO

Appassionato di Bitcoin, Linux e open source.

Autore del blog Bitcoin For Freedom

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

× Contattaci